Il Blog di BORN TO RIDE

Amici motociclisti, benvenuti su Born To Ride, il mio Blog su TGCom.

Sono Roberto Parodi, scrittore e giornalista ma soprattutto motociclista, come probabilmente molti di voi.

Questo blog è per chi ama la moto e per come la vedo io, amare la moto significa usarla. E tanto.  Praticamente sempre.

Compreso d’inverno, quando fa freddo e detto fra noi, le moto funzionano meglio nell’aria rarefatta e trasparente di quelle domeniche mattina di gennaio, sotto un pallido sole, mentre voi partite con un paio di amici per fare un giro in campagna, alla fine del quale, dopo ore e ore di curve, vi ritroverete con le mani intirizzite dal freddo e le gambe sotto il tavolo.

Che figata andare in moto ragazzi.

C’è dentro tutto: il piacere fisico della curva, la spinta dell’accelerata, lo spettacolo della natura, gli amici e quel pizzico di rischio che rende più gustoso il tutto.  E naturalmente lei, la vostra moto.

Si perché la moto è qualcosa di intimo, personale. Non lasciate che a decidere sia la testa, fidatevi del feeling. Non ho mai scelto una moto perché era logico, ma sempre perché la pancia mi diceva che lei era quella giusta.

Un po’ come la fidanzata, anche se secondo me, le due cose funzionano meglio separate: la moto da una parte e la fidanzata dall’altra.

Ma torniamo al blog: qui si parla di moto.  Non degli ultimi modelli, non delle prestazioni, non di racing: su queste cose non ci capisco un tubo.

Quello che mi piacerebbe condividere con voi è tutto il resto: il viaggio, le moto da usare tutti i giorni, il custom, i ferrivecchi coperti di polvere nei garage di campagna da rimettere a posto con passione e divertimento.

La moto parla di noi molto più di un vestito o di un paio di scarpe. E’ il nostro “avatar”, il nostro modo di vedere il mondo, materializzato in due ruote.    E’ il bello di evolversi, cambiare, trasformarsi. E la nostra moto cambia con noi e si trasforma cercando di starvi dietro.

La moto è libertà. Di essere chi si vuole, di andare dove si vuole, di non essere schiavi del traffico e della routine quotidiana.    Voi direte “ok, ma io lavoro in ufficio, come cavolo faccio”?    E io vi dico, basta possederne una e amarla. Pensarci, sapere che lei è li, nel vostro garage, e che tra qualche giorno monterete quel nuovo manubrio e forse cambierete la sella e per il prossimo giro sarà perfetta.

Se pensate così ci siete dentro alla grande ragazzi: siete dei motociclisti.

Perché per essere dei motociclisti non si deve aver compiuto il giro del mondo: è uno stato mentale, una passione che si annida dentro di voi e salta fuori sempre nel momento meno opportuno.

Da tre settimane è iniziata la quinta serie di BORN TO RIDE su Italia2, ogni sabato alle 14:30 e ogni martedì notte alle 24.00.    E’ un programma di viaggio avventura e passione a due ruote      Qui il link alle prime tre puntate, vi aspetto.

http://www.video.mediaset.it/programma/born_to_ride/archivio-video.shtml

Schermata 2015-10-02 alle 14.48.15

6 commenti per “Il Blog di BORN TO RIDE

  1. “E io vi dico, basta possederne una e amarla. Pensarci, sapere che lei è li, nel vostro garage, e che tra qualche giorno monterete quel nuovo manubrio e forse cambierete la sella e per il prossimo giro sarà perfetta.”

    Solo la passione per la moto può far emergere tanta sensibilità ……. Complimenti sinceri e grazie.

  2. Ciao Roberto sono un motociclista con una passione enorme per le moto. Mi sto guardando i tuoi video di Born to Ride in Tunisia, davvero belli fanno venire la voglia di uscire subito in moto anche se fuori piove. Comprendo benissimo quando parli di libertà in moto, di stile di vita in moto perchè sono cose che provo anche io. Forese un giorno anche io farò un overland o comunque un lungo viaggio. Per me la moto è un cardine della mia vita, è la passione più grande che ho. Ne posseggo diverse nel mio garage, dalle ss alle tassellate. Quando esco in moto in questi giorni mi sento in piccolo di vivere quelle sensazioni da temerario che provi in quei posti. Chissà forse un giorno ci incontreremo in moto. Lamps
    Remo

  3. Ciao Roberto, mi chiamo Remo e sono un motociclista. Davvero belli i tuoi post e i tuoi video di Born to Ride in Tunisia che mi sto rivedendo in streaming: comunichi delle emozioni sincere. Quando guardo quelle immagini in viaggio mi viene voglia di partire subito. Per me la moto è libertà, divertimento, passione e mi occupa la mente per diverse ore al giorno: ne ho diverse una CBR 1000 RR Honda, una Ninja 900 del 1995, un cross 250 2t e un trial. Chissà, forse un giorno ci incontreremo in moto. Ancora complimenti. Lamps
    Remo

  4. Ciao Roberto, ti seguo dalla prima serie e ti leggo nei tuoi libri
    apprezzo molto questa nuova serie che è essenziale, senza fronzoli e va al sodo con viaggi e tanta passione … vera
    Anche un grazie personale perchè le tue letture mi hanno aiutato a vincere le resistenze razionali (lavoro a portata di metro, moglie e madre apprensive, figlie piccole … insomma le solite cose) a ricomprarmi una modestissima Suzuki Freewind, modesta ma con cui ho trovato subito un’intesa perfetta e me ne sono innamorato (anche mia figlia di 8 anni che vuole sempre fare la zavorrina ma è bravissima e segue le mie indicazioni … quasi al contrario di come fa a casa dove da retta sopratutto alla mamma) … domenica scorsa era una bellissima giornata, mi sono alzato presto, coperto il giusto, avvisato la signora, inforcato la mia cavalcatura e diretto verso Bereguardo, destinazione ponte di barche sul Ticino e relativo Parco naturale … mi sono sentito felice, di una felicità spensierata come non mi capitava da quando ero ragazzo, fra l’altro Sorpresa! in Bereguardo c’era un mini raduno locale di moto in genere ma, sopratutto d’epoca (molte Guzzi) mi sono anche fermato ed inevitabilmente (sono curioso ed anche un discreto chiacchierone … penso si capisca … lol) ho attaccato bottone con qualche collega “Veterano/Collezionista” … beh forse sono di nuovo sulla strada giusta

  5. Grande Parodi!!…sono andato in superfissa e nelle feste mi son rivisto a ruota a partire da Rider’s cafe fino all’ultima di Born to Ride, ma adesso è TROPPO CORTA…ci son tante robine da aporofindire..libri, officine custom da vedere, eventi da segnalare, riviste da consigliare…il mondo della moto..e la moto è un viaggio troppo grande da condensare in 25 minuti.
    Scherzi a parte..complimentissimi per tutto..mi sto anche leggendo i tuoi libri e sono davvero fatti bene (scheggia controsole e cuore a due cilindri li ho fumati…)
    Spero di vederti al Motor Bike Expo di Verona..
    Un abbraccio
    Maurizio
    Bmw R80 1982 (diciamo personalizzata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *